SOLO
Non c’è niente di più difficile che seguire qualcuno che sa di essere seguito.
Un detective privato, Rimini, 2015

concept by Francesca De Isabella and Sara Leghissa
performing support: Alice Attala, Raehl Crowford Barra, Federico Cianciaruso, Francesco D'Aliesio, Simone Evangelisti, Elena Cleonice Fecit, Olimpia Fortuni, Sara Leghissa, Daria Menichetti, Benno Steinegger
dramaturgy advisors during Santarcangelo 2014 residency: Sodja Lotker, Kate McIntosh
production co-ordination 2013-2014: Sarah Parolin
production Strasse
co-production Uovo Performing Arts Festival
with the support of MACAO - Nuovo Centro per le Arti, la Cultura e la Ricerca, Vooruit Kunstencentrumand DE.MO./MOVIN’UP Project: Movin’UP Session II, 2013 curated by Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e le arti contemporanee; Direzione Generale per lo spettacolo dal vivo e GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani
ph Luca Chiaudano

*** ENG

I have the feeling of being part of a network of possible directions, it feels like the world around me is an accomplice of something that has me as the center. I take a distance from this center and look at what appears. 
All around me there is a moving crowd, 
it works like a mechanism, 
it’s a crowd gazing straight forward. 
I realise everything is regulated by a timing out of my control, signs are repetitive, like rhythms and pathways. I lose the detail of what I’m looking at, the close-up, I’m in the total. 
I am right in the middle of this crowd.

SOLO is a site-specific project created by the artistic collective Strasse and realized each time in different locations. These sites can be public spaces or locations characterized by their specific function, such train stations. They are complex spaces, crossroads, circulation points that produce a particular form of human presence, always determined by rhythms and commuting times inherent to the space itself. The work is always related to this complexity, trying to generate an alternative way of seeing a place accessible to and known by everyone, without imposing a narrowed perspective. To do so, we declare to the audience what they are about to see: a play.

SOLO shifts and challenges the very idea of “audience”, of “performer” and “random people passing by”, moved by the desire to find how these labels can become less and less defined and more and more interchangeable. The use of mobile phones to communicate with the spectators determines an ambiguity in the perception of reality and fiction. The performers are in the position of not knowing who will be the spectator but are expected to follow a certain chain of actions that allows them to improvise and follow their intuition step by step.

The mobile phone is a fundamental tool to the spectator, enabling him to follow the performance.

*** ITA

Ho la sensazione di essere dentro una rete di direzioni possibili,
e che il mondo intorno sia complice di qualcosa di cui io sono il centro.
Prendo le distanze da questo centro, mi allontano e guardo cosa vedo.
Intorno c'è una folla che si muove, una folla che funziona come un ingranaggio,
una folla che guarda diritta.
Perdo il dettaglio, il primo piano, sono nel totale.

SOLO è un progetto site-specific che si mette in relazione a luoghi complessi, di transito e circolazione, composti da un’umanità legata a ritmi e tempi di percorrenza specifici, come ad esempio le grandi stazioni dei treni. SOLO tenta di generare un'alternativa di sguardo su un luogo conosciuto e accessibile a tutti, senza processare ciò che vede ma aprendosi alla costruzione di universi paralleli, possibili e riproducibili.

La passeggiata diventa un gesto di soggettivazione dello spazio che attraverso. Le persone che incrocio producono improvvisamente vita, si fanno e si dìsfano, in una continua invenzione del sé che resiste all'oggettivazione dello sguardo. Una frattura che apre uno spazio di esistenza e che richiede la produzione del suo inverso: essere come “spettatrice” a creare lo “spettacolo” e i suoi scarti.

Maddalena Fragnito, Gent, ottobre 2014

Il telefono cellulare è strumento indispensabile per poter seguire la performance.

***
ABOUT

Interview_UovoTv

2014

SOLO/Milano
première | Uovo Performing Arts Festival
www.uovoproject.it

SOLO/EXPLODED VERSION
per FOLLE/Macao
OPEN CALL//macao.it/folle
SOLO_EXPLODED VERSION//macao.it/folle

SOLO/ esperimenti su Santarcangelo
residenza di creazione
santarcangelofestival.com

SOLO / Vooruit Kunstencentrum, Ghent (BE)
creation residency

SOLO / Brussel Noord, Brussels (BE)
creation residency

2016

SOLO
Isola Kult
Zona k, Milano
www.zonak.it/solo

***************************************************************************

Trailer